Caricamento Eventi

Distribuita in diverse sedi nel territorio di Rivarolo Canavese (TO), la rassegna CHARTA (27 aprile > 26 maggio 2019) si sviluppa intorno alla produzione artistica su carta svelando le diverse forme, espressioni e linguaggi in cui questo medium può essere declinato.

Saranno tre le mostre ospitate nella sede di Villa Vallero: oltre all’installazione site-specific dell’artista Daniela Bozzetto, uno spazio sarà dedicato alle opere del Collettivo OltreCollage, composto da giovani artisti italiani che sperimentano le potenzialità espressive del collage; infine, una sezione sarà dedicata all’Art Prize CBM \OFF, in cui verrà esposta una selezione di opere su carta degli artisti italiani che hanno partecipato, nelle varie edizioni, all’Art Prize CBM nella categoria UNDER 30.

A Casa Toesca verrà allestita la mostra Wunderpapier, carte preziose ( a cura di Vincenzo Gatti): al suo interno sarà esposta una selezione di stampe giapponesi, acqueforti ed incisioni di artisti contemporanei.

Il Patronato O.N.C.A., la cui storia si lega profondamente al territorio e alla lotta per i diritti delle donne, ospiterà due mostre pop-up della durata di un weekend: si comincia con Parade (11-12 maggio), in cui verranno ospitate le opere dei giovani artisti locali Luca Astone, Federica Polla e Francesca Rossignoli; si prosegue con Silhouettes (18-19 maggio), mostra che ha per tema il corpo femminile, indagato attraverso due visoni artistiche differenti: le illustrazioni di Elisa Talentino e le fotografie di Chiara Lombardi.

Presso l’Ufficio Turistico Proloco, nell’incantevole cornice di Piazza Litisetto, si terrà ancora nella dimensione pop-up la mostra Bestie Fantastiche (11-12 maggio e 18-19 maggio), con le illustrazioni di Gabriele Pino.

Infine, la Biblioteca Comunale “Besso Marchesis” ospiterà Ex Libris, una selezione di ex libris provenienti da collezioni private.

Con la rassegna CHARTA l’intento che ci si propone è quello di far dialogare le opere e gli artisti con i curatori e il pubblico, attraverso le mostre, ma anche per mezzo di eventi collaterali, quali conversazione con gli artisti, workshop, visite guidate e attività didattiche.