SPECCHI. Ernesto Morales

13161820_10153597748842849_6593293144520556800_o

SPECCHI. Di Ernesto Morales

Curata da Karin Reisovà

6 maggio – 5 giugno 2016

Casa Toesca, l’artista argentino Ernesto Morales ripropone, a distanza di un anno, un ciclo nuovo di opere. I suoi ultimi lavori sono in bilico tra il grigio piombo e l’oro come in una ricerca quasi alchemica per trasformare il piombo in oro, da un materiale grezzo a un materiale nobile, puro, per trovare la verità ultima e assoluta. L’artista non abbandona i suoi temi ma li carica di ulteriori significati. E’ un momento di passaggio nella pittura di Ernesto Morales, il cambiamento è iniziato con la mostra Il giorno come la notte presentata a marzo del 2015 sempre a Casa Toesca, al rientro dal viaggio in Asia e prosegue attraverso i lavori di questa mostra Specchi. I boschi e le nebulose vengono contrapposti a nuove quinte preziose che iniziano a riflettere nuovi pensieri e ad aprirci a nuove ricerche. Il bosco, che rappresenta lo specchio della nostra interiorità, il luogo segreto che abita dentro di noi, nella nostra mente, nel nostro inconscio, nel nostro cuore, accostato al colore oro diventa parte di un gioco di percezione. Il lavoro cambia a secondo della luce del contesto e in relazione allo spostamento di chi lo osserva. Con le sue molteplici tonalità, l’oro in chiave astratta, per la sua propria natura riflette la luce, e l’opera è sempre diversa, proprio come la nostra percezione delle cose, come il nostro pensiero, il quale è sempre mutevole. L’oro diventa una metafora della nostra vita che è in costante cambiamento ed osservare il bosco è come osservare dentro di noi e entrare in contatto con la nostra intimità.

By |2016-05-10T07:45:38+00:00maggio 10th, 2016|Commenti disabilitati su SPECCHI. Ernesto Morales