image-1

Areacreativa42 e Riva1920: due realtà così diverse per scopi ed attività, ma così vicine per sinergie e condivisione di ideali, uniscono le rispettive esperienze.

Dal 10 maggio al 10 giugno la mostra dei vincitori del Premio Carlo Bonatto Minella organizzato da Areacreativa42 e con presidente di giuria Vittorio Sgarbi, verrà ospitata nello straordinario showroom di Riva1920 a Cantù, dove le opere saranno inserite in una realtà che vanta quasi 100 anni di attività e successi nel campo dell’arredamento.

Dopo l’atmosfera delle antiche sale di Casa Toesca a Rivarolo C.se (To), sede di Areacreativa42, la III Tappa della mostra dei vincitori del Premio (Doriano Scazzosi, Leo Ferdinando Demetz, Valentina Ceci e Simone Gilardi) continua in una location dall’atmosfera contemporanea e dinamica.

Maurizio Riva afferma che “gli obiettivi cambiano, si modellano, lasciando posto a nuovi entusiasmi” e così accade anche per Karin Reisovà, presidente di Areacreativa42, nell’organizzazione di questa mostra, forte dell’esperienza maturata in questi anni di attività e convinta dell’importanza di condividere e sviluppare  nuovi progetti. Esperienza intensa sia dal punto di vista organizzativo sia personale, il Premio ha creato nuove relazioni e scambi, e cresce nel tempo, in attesa della Terza Edizione 2015, verso nuovi traguardi.

http://www.riva1920.it/it/museo-showroom/

Il Premio Carlo Bonatto Minella è nato per volontà di Karin Reisovà allo scopo di favorire creatività ed il lavoro di giovani artisti. La vicenda umana ed artistica di questo allievo dell’Accademia Albertina, dimenticato per molti anni, è riproposta oggi come momento di riflessione per capire e cercare di esprimere fiducia nelle nuove generazioni, in una prospettiva di continuità ma anche dila  rinnovamento con attenzione ai significati ed alle tecniche.

La collaborazione di Istituzioni ed Associazioni avvalora il senso dell’iniziativa che già nella sua fase di realizzazione si avvale di giovani impegnati, con una forte volontà di apertura al dialogo, nella convinzione che il talento, l’impegno e l’applicazione di Carlo Bonatto Minella possano essere ripensati e condivisi.
E’ un privilegio per chi presiede un associazione culturale poter lavorare ad un tale progetto, che attraverso la straordinaria figura di questo giovane artista, coinvolge aspetti umani, storici, crea contatti tra generazioni ed ambienti diversi, portando a confronti anche difficili ed a momenti di riflessione sull’arte contemporanea.” Nella sua seconda Edizione il Premio ha avuto come presidente di giuria Vittorio Sgarbi che ne ha permesso uno sviluppo ulteriore.